Si è svolto il XVI Convegno Studi dell'Associazione Culturale Famiglia Aperta sul tema
"Primato delle persone nella società multietnica".
I temi trattati sono stati molto importanti a partire dalla sociologia, psicologia e
psichiatria al tema della teologia fino a parlare del lavoro.
Varie sono state le relazioni fornite da esperti dottori, inoltre vi sono state esposte
esperienze di vita che riguardano in particolar modo l'accoglienza, ma anche la convivenza
con persone di etnie diverse.
Il convegno costituisce il momento conclusivo di un lavoro di ricerca attuato a partire dal dicembre 2009,
sul tema della società multietnica visto attraverso il prisma della dimensione familiare.
Si è parlato di multietnicità che pone delle sfide che si svolgono su diversi livelli.
C’è il livello politico-istituzionale, il livello sociale, il livello delle interazioni fra persona e persona.
A tutti i livelli è possibile agire per promuovere l’integrazione fra culture differenti.
Ma il livello che risulta cruciale, nell’interazione fra culture differenti, è il livello interpersonale.
Il problema della multietnicità si riconduce dunque al problema della relazione con l’altro.
Emerge che, nel relazionarsi con l’altro, esistono degli ostacoli che possono minare la possibilità stessa di relazione.
E quanto più l’altro con cui ci si relaziona è distante dal soggetto, tanto più questi ostacoli aumentano.
È questo il nucleo problematico della relazione multiculturale.
Tuttavia, esistono delle risorse personali che ognuno può mobilitare e che possono aiutare a superare gli ostacoli
e rendere la relazione con l’altro possibile.


Dott. Gianni Francesetti

Dott. Dora Ciotta

Prof. Giuseppe Limone

Prof. Carla Xodo Cegolon

Prof. Tommaso Cariati


Home